Loading color scheme

Buone pratiche cittadine per farci vivere bene

Nel 2014 il Comune di Bologna ha affidato all’Istituzione Educazione e Scuola (IES) la gestione dei servizi educativi 0/6 anni che comprendono 49 nidi e 204 sezioni di scuola per l’infanzia.

IES gestisce, inoltre, alcuni importanti servizi e progetti rivolti ai ragazzi in età 11/16 anni sui quali si apre oggi un primo scorcio da considerare emblematico per il respiro che dà alla partecipazione diretta di un gruppo di adolescenti.

L’occasione si è presentata nella primavera del 2018, quando i ragazzi/e che frequentano il Tavolo Adolescenti nel Quartiere Borgo Panigale-Reno hanno deciso di aderire al “Bilancio partecipativo 2018” elaborando insieme agli educatori una proposta che potesse rispondere ai loro bisogni nel tempo libero(per favorire la partecipazione dei cittadini in occasione della presentazione e approvazione del Bilancio annuale, il Comune di Bologna invita associazioni, gruppi di cittadini, a presentare progetti di riqualificazione territoriale impegnandosi a finanziare e realizzare il più votato in ogni quartiere). 

Immediatamente il pensiero dei ragazzi è stato rivolto ad un’area verde “Il Giardino degli Olmi”, un luogo che preadolescenti e adolescenti del quartiere già usano, senza illuminazione, priva di attrezzature e senza le condizioni minime per una buona fruibilità. La potenzialità del luogo, oltre che dagli ampi spazi,  è data dalla vicinanza al “Centro Anni Verdi”, già significativo punto di aggregazione giovanile. 

Ragazzi/e, con il supporto di educatori IES, si sono messi al lavoro partecipando attivamente a tutte le fasi della progettazione dell’idea di riqualificazione di tale area,  promuovendo il loro progetto, denominato “Social Sport”, sul territorio (all’interno dei supermercati, bar, parrocchie) non trascurando il coinvolgimento delle scuole. Posto in votazione con il Bilancio Preventivo del Comune nel novembre 2018, ha  conseguito un sorprendente  secondo posto a livello di Quartiere ed il terzo in ambito cittadino.

Il successo ottenuto ha spintoIES, gli Assessori Matteo Lepore e Marilena Pillati, il Quartiere, a reperire le risorse necessarie per realizzare il progetto (anche se non si è classificato al primo posto) il quale ha pure ottenuto il sostegno da parte delle Fondazioni Bancarie “Banca del Monte” e “Carisbo”. 

Ritengoemblematicoil progetto “Social Sport” in quanto è indicatore di una capacità vitale che i ragazzi possono esprimere qualora siano motivati ed allo stesso tempo abbiano la percezione di essere ascoltati. Da questa condizione nasce  il superamento  dell’indifferenza e la voglia di partecipare, voglia che tanti più adolescenti di quanti si pensi potrebbero esprimere. 

Ecco perché IES e Comune di Bologna hanno ritenuto di non deludere questi ragazzi e di fare del “nuovo modo di vivere il giardino...” un esempio non solo di riqualificazione di un’area verde dismessa, ma di dialogo fra giovani e Istituzioni finalizzato a rafforzare il percorso di Cittadinanza attiva. 

Allo stesso tempo “Social Sport” rappresenta una significativa possibilità di vita e di inclusione, capace di  offrire a ragazzi, adolescenti e giovani del territorio – nel loro tempo libero – l’occasione di trovarsi, uscire dall’isolamento, dalla noia, impegnandosi in attività ludiche e sportive tali da riempire lunghi periodi (es. mesi estivi) “vuoti” che possono nascondere trappole assai insidiose.

Gli educatori di IES hanno raggiunto anche diversi obiettivi educativi, come la fiducia nell’ascolto, il riconoscimento delle rispettive potenzialità, il prendersi cura del territorio, il fare gruppo con adulti, un uso dei social network diverso e consapevole.

La fase formale della progettazione, necessaria per l’affidamento dei lavori, è stata curata dalla Fondazione “Rusconi”, che ha elaborato gratuitamente un progetto esecutivo che disegna la riqualificazione del “Giardino degli Olmi” attraverso attrezzature per lo sport all’aperto, panchine e tavoli, illuminazione e prese elettriche per rendere più facile la realizzazione di eventi, una fontana con acqua potabile, nuove piantumazioni  di alberi e siepi basse per  dividere gli spazi, un percorso muontain bike, la creazione di un’area sky fitnessed un campo da calcetto recintato.

Il programma prevede che con il prossimo settembre inizieranno i lavori e, appena conclusi, l’installazione delle attrezzature.

Tutto questo conferma quanto sia importante la partecipazione attiva dei cittadini, anche dei giovanissimi, e la capacità di ascolto delle Istituzioniper il raggiungimento di importanti obiettivi.

di Paolo Marcheselli 
Presidente IES Istituzione Educazione Scuola

 

 

Il Comitato Etico supervisiona tutti gli articoli, a garanzia della tutela all’infanzia e di una genitorialità consapevole, valori a cui si riferisce l'Associazione.

La Rivista Etica Esce a Marzo, Maggio, Settembre e Dicembre e riceve i Patrocini dei Comuni per le sue finalità di sostegno a tutta la Comunità.