Loading color scheme

a
AIUTACI A METTERE "LE ALI" AI SOGNI DEI BAMBINI

La casa familiare

Per capire chi ha diritto a rimanere nella casa familiare dopo la separazione, è fondamentale verificare la presenza nella coppia di figli. È infatti in funzione del loro preminente interesse che i Giudici, in ipotesi di lite fra ex-coniugi, stabiliscono l’assegnazione dell’immobile, a prescindere dal titolo di proprietà dello stesso.

I nostri Tribunali nella quasi totalità dei casi, assegnano alla madre la casa familiare, intendendo con essa l’abitazione nella quale si è consolidato il centro di interessi e sentimenti vissuti dalla famiglia fino al momento della crisi.


NON HAI TEMPO DI LEGGERE?
ALLORA ASCOLTA QUI >


La decisione è la medesima
sia che si tratti di separazione giudiziale in conseguenza di un vincolo matrimoniale, sia che i Giudici siano chiamati a decidere circa la regolamentazione di figli nati da coppia convivente non coniugata.

La nostra cultura - seppur in costante evoluzione - è ancora caratterizzata da un ruolo genitoriale materno maggiormente presente ed accudente rispetto a quello paterno. Questo dato, pur nulla avendo a che fare con il concetto di genitorialità condivisa - bigenitorialità che rimane infatti identica per entrambi i genitori anche dopo la separazione - ha conseguenze importanti sulla “collocazione” dei minori, espressione utilizzata nel gergo tecnico per indicare il genitore con il quale i figli continueranno a vivere in prevalenza. Pertanto, nella quasi totalità dei casi è la madre ad avere presso di sé i figli con la conseguente assegnazione a sé medesima della casa familiare.

L’assegnazione della casa familiare tuttavia non ha durata illimitatae tale diritto cessa in conseguenza:

  • al raggiungimento dell’autosufficienza economica dei figli maggiorenni;
  • alla cessazione della coabitazione degli stessi maggiorenni - seppur economicamente non autosufficienti - con il genitore assegnatario;
  • all’allontanamento definitivo dall’immobile del genitore assegnatario.

Non costituisce automatica perdita del diritto all’assegnazione il nuovo matrimonio o la nuova convivenza del genitore assegnatario.  Infatti, l’instaurarsi di una relazione stabile è circostanza ininfluente sull’interesse della prole, a meno che la nuova presenza non venga accertata come nociva e diseducativa per i minori. 

Si parla, invece, di passaggio del diritto all’assegnazione quando i figli cambiano la loro collocazione da un genitore all’altro e con essa a spostarsi è anche il diritto all’assegnazione.

Spesso nell’esercizio della professione capita di dover giustificare a padri – proprietari in esclusiva o comproprietari dell’immobile - il perché dell’assegnazione all’ex-moglie o all’ex compagna, assegnazione che, di fatto, li obbliga ad allontanarsi dalla loro residenza talvolta continuando a pagare il mutuo di un’abitazione che non è più nella loro disponibilità. Le motivazionisono da ricercare esclusivamente nei figli, il cui preminente interesse coincide con la loro permanenza all’interno delle mura domestiche con il genitore collocatario, permanenza considerata rassicurante e utile alla loro serenità successivamente alla disgregazione del nucleo familiare.


di ANNAMARIA BARREA –
DANIELA CREMONINI
avvocati
Contatti: tel. 051.632.18.28 - annamariabarrea@gmail.com – cremonini.daniela@gmail.com

👇
VUOI APPROFONDIRE
🔍SFOGLIA L’ANTEPRIMA della rivista che parla di questi argomenti e PRENOTA la tua copia della rivista Etica “Genitori”: ti arriverà a casa Maxi-formato cartaceo: con una donazione minima di 29€ riceverai le nostre riviste per 1 Anno! 

😍
TI E’ PIACIUTO L’ARTICOLO
Lascia un ✨MI PIACE✨alla nostra pagina Facebook e unisciti alla Comunità di Bambini e Genitori ‼️

PRENOTA LA TUA COPIA
della rivista Etica “Genitori”:
puoi riceverla a casa con una donazione minima di € 10

oppure

RICEVILE PER 1 ANNO
> 4 numeri <
con una donazione minima di € 29 anziche' € 40!!!

  > PRENOTA <  

Il Comitato Etico supervisiona tutti gli articoli, a garanzia della tutela all’infanzia e di una genitorialità consapevole, valori a cui si riferisce l'Associazione.

LE PERSONE
LE FONDATRICI E LE PERSONE CHE COLLABORANO

Bambini e Genitori nasce dall'entusiasmo e dalle competenze professionali di un team di genitori motivati...

Slider