Loading color scheme

Rimedi naturali per curare e gestire l’allergia al gatto di casa

L’allergia al pelo degli animali è abbastanza frequente e spesso costringe intere famiglie a rinunciare alla compagnia di cani e gatti. L’allergia al pelo del gatto è causata da una proteina (FEL D1) contenuta nella saliva dell’animale. L’allergene si deposita nel pelo quando il gatto si lecca e da qui viene disperso nell’ambiente circostante (tappeti, divani, vestiti, ecc…).

Queste particelle microscopiche rimangono sospese nell’aria e inalate dalle persone causando la classica sintomatologia: starnuti, congiuntivite e più raramente dermatiti e prurito. Nei soggetti maggiormente sensibili i sintomi allergici possono essere anche più gravi e accentuati.

E’ possibile continuare la convivenza con il nostro amico felino se siamo allergici? Per rispondere a questa domanda meglio consultare medico e allergologo che daranno il loro parere in base alla sintomatologia. Se scopriamo che è proprio così, possiamo attenuare i sintomi con qualche accorgimento come, ad esempio, non toccare la lettiera con le mani, ma indossare un paio di guanti e una mascherina protettiva. Diventa fondamentale tenere puliti ed igienizzati gli spazi di uso comune e non fare soggiornare il gatto nella camera da letto, che dovrà risultare spazio neutrale dove poter respirare e dormire serenamente. Evitare, dove possibile, l’utilizzo di tappeti e moquette.

Il micio dovrà essere pulito e spazzolato con più frequenza e con prodotti specifici e anche in questo caso la fitoterapia ci viene in aiuto con più rimedi come ad esempio l’olio di Perilla: una pianta erbacea conosciuta in Cina e introdotta successivamente in Giappone, dove è utilizzata anche come ortaggio. Le attuali conoscenze scientifiche consentono di utilizzarla come fonte di acidi grassi polinsaturi Omega 3, inoltre gli studi clinici hanno confermato il ruolo degli estratti di Perilla nel trattamento di molte patologie allergiche: dalla dermatite atopica all’asma bronchiale. Questo perché riduce moltissimo la produzione di Istamina responsabile del fastidioso prurito al naso della rinite e del bruciore agli occhi tipico delle allergie. Pur agendo come antistaminico naturale, non ha gli effetti collaterali degli antistaminici di sintesi. Si utilizza l’estratto o l’olio di cui assumere 1 perla a prima colazione e 1 perla a cena per cicli terapeutici di circa un mese serenamente ripetibili nel corso dell’anno. L’estratto però deve essere privo di perillaldeide, potenziale costituente allergizzante, e di chetoni. Può interagire con farmaci ipotensivi. Utile l’abbinamento anche ad altre piante come la Rosa Canina, l’Adatoda (Adhatoda Vasica) o l’Eufrasia (Euphrasia officinalis).

Insomma, prima di allontanare il nostro amato gatto da casa, proviamo i rimedi che la natura ci offre!

a cura dott.sse Loredana Raso e Nada Raspanti
erboriste fitoterapiche

 

Il Comitato Etico supervisiona tutti gli articoli, a garanzia della tutela all’infanzia e di una genitorialità consapevole, valori a cui si riferisce l'Associazione.

La Rivista Etica Esce a Marzo, Maggio, Settembre e Dicembre e riceve i Patrocini dei Comuni per le sue finalità di sostegno a tutta la Comunità.