Loading color scheme

a
AIUTACI A METTERE "LE ALI" AI SOGNI DEI BAMBINI

Il cambiamento potrebbe essere un rischio?

“Chi lascia la strada vecchia per la nuova, sa quel che lascia ma non sa quel che trova”. Questa frase viene percepita spesso come avvertimento a non cambiare perché rischioso e perché nel cambiamento non si sa a cosa si va incontro. È vero, non lo sai, nessuno lo sa.

Quindi, anziché correre il rischio e tentare - e comunque vada, avrai fatto almeno un’esperienza che ti aiuterà a crescere - decidi più facilmente di non cambiare

È proprio questa convinzione a bloccarti.

Il “nuovo” spaventa, crea insicurezza, facendoti sentire più a tuo agio nelle situazioni conosciute anche se faticose e sfidanti, e così rimani bloccata/o.

Immagina quante volte è stato più facile rimanere in una situazione di fatica e di difficoltà nella quale sapevi come muoverti, piuttosto che aprirti al nuovo e provare ad uscire dalle tue abitudini, da quella che oggi viene chiamata la “zona di confort”… un esempio?

Il lavoro che svolgi non ti soddisfa più:
sei stanca/o di fare sempre le stesse cose, vorresti impararne delle nuove, sperimentarti in nuovi ruoli, non ti senti apprezzata/o e perché no, vorresti avanzare di carriera e aumentare il tuo stipendio, ma qualcosa te lo impedisce… cominci a domandarti: “Sarò capace in quel ruolo?”, “Sarò all’altezza delle richieste?” “Apprenderò velocemente le nuove competenze e poi, i colleghi? Chissà come saranno…”

E così ti convinci che forse è meglio rimanere in quello che conoscie pensi: “Forse mi conviene stare qui…, adesso il mio lavoro lo so fare anche ad occhi chiusi…, qui so come muovermi cosa posso fare o dire, conosco i colleghi, l’ambiente, ecc…”. Così resti dove sei, andando avanti fino al prossimo momento di difficoltà e di crisi.

A volte però, il bisogno di percorrere strade nuove si fa sentire con forza e la voglia di cambiare diventa qualcosa di imprescindibile. Comprendi l’importanza di fare qualcosa per tee dare voce ai tuoi desideri.

Senti il bisogno di un aiuto,
di un sostegno per confrontarti, focalizzare il tuo obiettivoe i passi necessari alla sua realizzazione.

E prendi coscienza del bisogno/desiderio di chiedere aiuto, consapevole della necessità di rivolgerti a una persona esterna, non legata affettivamente a te, con la giusta obiettività, non influenzata dal vostro legame, così da poter comprendere quello che ti sta accadendo.

La figura esterna a cui rivolgerti?
La scelta dipende da te, da quello che cerchi e da come ti senti. Puoi decidere di rivolgerti a: psicologo, counselor, coach, pedagogista, ecc… tutti validi professionisti con studi e competenze diverse. Il counselorè una professione nuova in Italia, ma molto affermata nel resto del mondo. Da noi è riconosciuta con la legge 4/2013, per la quale non esistono Albi o Ordini e l’iscrizione alle associazioni professionali di riferimento non è obbligatoria. Chi la esercita ha svolto un percorso di studi triennale che unisce teoria e pratica seguito da un periodo di tirocinio e supervisione.

Spesso il counseling viene utilizzato, come tecnica di colloquio, in altre professionalità della relazione di aiuto.

Il counselor si occupa soprattutto di sostenerti in un percorso di cambiamento per trovare nuove soluzioni e nuovi approcci a problemi di natura non patologica con l’obiettivo di migliorare la qualità di vitae raggiungere gli obiettivida te individuati.

Muovendosi su un piano più legato “al qui e ora”ti aiuta a vedere la realtà da un altro punto di vista, sostenendoti nella riscoperta di risorse già in tuo possesso.È uno spazio di ascolto attivo, partecipato e di riflessione dove hai un tempo a te dedicato, per aprirti e condividere il tuo sentire in un contesto privo di giudizio per trovare la tua strada.

 

 

 

 

di Francesca Zanolla
pedagogista, counselor, coach,
responsabile Comitato Scientifico “Bambini e Genitori APS”

Contatti: tel. 327.018.76.41 – info@francescazanolla.it

Se vuoi prenotare un colloquio gratuito individuale con me, ti aiuterò a guidarti verso le opportunità a te sostenibili. Lo spazio d'ascolto te lo offre l’Associazione Bambini e Genitori e si prenota telefonando al 327.018.76.41  È garantita la massima riservatezza e professionalità.


😍
TI E’ PIACIUTO L’ARTICOLO
Lascia un ✨MI PIACE✨alla nostra pagina Facebook e unisciti alla Comunità di Bambini e Genitori ‼️

 

PRENOTA LA TUA COPIA
della rivista Etica “Genitori”:
puoi riceverla a casa con una donazione minima di € 10

oppure

RICEVILE PER 1 ANNO
> 4 numeri <
con una donazione minima di € 29 anziche' € 40!!!

  > PRENOTA <  

Il Comitato Etico supervisiona tutti gli articoli, a garanzia della tutela all’infanzia e di una genitorialità consapevole, valori a cui si riferisce l'Associazione.

LE PERSONE
LE FONDATRICI E LE PERSONE CHE COLLABORANO

Bambini e Genitori nasce dall'entusiasmo e dalle competenze professionali di un team di genitori motivati...

Slider