Loading color scheme

a
AIUTACI A METTERE "LE ALI" AI SOGNI DEI BAMBINI

Un’opportunità da cogliere con coraggio

“Molte volte ormai hai subito l'assalto del destino; tu, però non ti sei arreso, ma sei balzato in piedi e hai resistito con maggior fermezza: il valore, quando è sfidato, si moltiplica” Seneca, lettere a Lucilio, XIII

In questo numero parliamo di come affrontare insieme ai nostri figli le difficoltà degli ultimi dodici mesi.


NON HAI TEMPO DI LEGGERE?
ALLORA ASCOLTA QUI 


Mesi dominati dall’emergenza sanitaria,
dalla pandemia e dalle restrizioni severe, talvolta severissime, imposte dalla necessità di contenimento della diffusione virale iniziata nel marzo 2020. Scelta saggia della nostra redazione, perché allineata con una capacità prospettica che solo ora sta iniziando ad affiorare in ciascuno di noi. Le nostre abitudini sono ancora distanti da quelle di un anno e mezzo fa, ma qualcosa sta cambiando.

Fino a poche settimane fa le nostre regioni continuavano a tingersi di rosso, come ad evocare frenamenti semaforici di allarme, e nemmeno noi specialisti, presi dalla centralità del nostro ruolo sociosanitario, saremmo forse stati in grado di collocarci con obiettività nella zona grigiaempatica utile a far capire a chi ci legge come poter superare le difficoltà insieme ai nostri figli; ora che l’emergenza sta finalmente rallentando la sua corsa, anche noi possiamo concederci il tempo di soffermarci a riflettere sulle nostre competenze professionali unite alla nostra personale esperienza di vita, per poter comprendere meglio che tipo di macerie ha lasciato dietro di sé l’uragano, e come  affrontare la ricostruzione.

La chiusura totale del marzo 2020
ha suscitato stupore, sgomento e preoccupazione. Mentre il virus conquistava lentamente una nazione dopo l’altra, abbiamo vissuto ad una prima esperienza particolare nella collettività: la necessità di arrendersi alla frustrazione di accettare di non essere immuni, né superiori o migliori di un’altra realtà che solo poche settimane prima veniva diffusa nei notiziari con le immagini potenti del lockdown di Whuhan. Ecco qui una prima occasione di mettere in campo la resilienza: sostenere i ragazzi nel ridimensionare e revisionare con spirito critico il proprio giudizio morale, o meglio, il pregiudizio. In questo può essere utile seguire insieme, genitori e figli, i canali informativi, per accogliere e contenere le angosce che derivano dalla difficoltà a comprendere i contenuti, e trasformarle in un’opportunità di riflessione espressiva di sé.

L’abolizione necessaria della didattica in presenza
ha poi sottolineato la centralità della funzione sociale della scuola, sulla quale, anche in questo caso, è opportuno condividere le proprie riflessioni in famiglia, per aiutare i bambini e i ragazzi ad evolvere ulteriormente verso l’autonomia, aiutandoli a rimanere in contatto (o meglio connessi, per usare le loro stesse parole) con la finalitàdel sacrificio richiesto dalla rimodulazione continua e con la sua stessa funzionalità, sollecitandoli in maniera creativa sul piano della socialità, suggerendo loro,  ad esempio, di pranzare insieme agli amici all’aperto al termine delle lezioni in presenza. Saranno in grado così di mettere a fuoco la forza della spinta sociale che la scuola rappresenta e di superare la naturale inclinazione all’accomodamento depressivo che la situazione emergenziale ha generato.

In conclusione, la famiglia ha avuto ed ha ancora una grande opportunità educativa, basta saperla cogliere, con pazienza e coraggio.

di ANTONELLA GAZZELLONE

medico criminologo, pedagogista clinico, giudice tribunale minorile
Contatti: tel. 393.702.06.29 - antonellagazzellone@gmail.com

👇
VUOI APPROFONDIRE
🔍SFOGLIA L’ANTEPRIMA della rivista che parla di questi argomenti e PRENOTA la tua copia della rivista Etica “Genitori”: ti arriverà a casa Maxi-formato cartaceo: con una donazione minima di 29€ riceverai le nostre riviste per 1 Anno! 

😍
TI E’ PIACIUTO L’ARTICOLO
Lascia un ✨MI PIACE✨alla nostra pagina Facebook e unisciti alla Comunità di Bambini e Genitori ‼️

 

 

                                      

 

 

 

 

PRENOTA LA TUA COPIA
della rivista Etica “Genitori”:
puoi riceverla a casa con una donazione minima di € 10

oppure

RICEVILE PER 1 ANNO
> 4 numeri <
con una donazione minima di € 29 anziche' € 40!!!

  > PRENOTA <  

Il Comitato Etico supervisiona tutti gli articoli, a garanzia della tutela all’infanzia e di una genitorialità consapevole, valori a cui si riferisce l'Associazione.

LE PERSONE
LE FONDATRICI E LE PERSONE CHE COLLABORANO

Bambini e Genitori nasce dall'entusiasmo e dalle competenze professionali di un team di genitori motivati...

Slider