Cattive abitudini digitali? Le hai anche tu (e nemmeno lo sai!)

È diventato impensabile -anche per i meno giovani- non avere il cellulare sempre vicino. È parte integrante della vita di ognuno di noi.

I ragazzi, a partire dalla cosiddetta “Generazione Z” sorridono divertiti e increduli quando sentono raccontare di cabine telefoniche, gettoni, squilli e spesso ignorano l’esistenza del telefono di casa come unico metodo di comunicazione a distanza, dove per fare il numero occorreva girare un disco.

Non hai tempo di leggere? Ascolta...

Oggi, la comunicazione avviene in una realtà virtuale, molto diversa: si utilizzano programmi per ritoccare immagini e video in modo da apparire più belli, più giovani, più magri… ogni azione, anche la più banale, viene ostentata e condivisa, le applicazioni di messaggistica hanno via via sostituito i vecchi messaggi SMS e MMS, nemmeno più inclusi nei piani telefonici mensili.

Facebook, Instagram, TikTok, YouTube, sono solo alcuni dei social media utilizzati per postare foto e video, in una continua e spasmodica ricerca di “Likes” che nel tempo ha coinvolto tutti. Sono stati coniati neologismi, spuntano influencers che insegnano a cucinare a vestirsi a truccarsi, crescono a dismisura, ahimè, gli “haters” e il cyberbullismo. 

Gli adolescenti e i giovani poi sono sempre online, vivono praticamente in simbiosi con il loro cellulare: c’è la gara a possedere sempre l’ultimo modello, si mangia, si dorme, si va a scuola, si esce con gli amici ma sempre con il cellulare a portata di mano, una sorta di dipendenza in grado di generare vere e proprie ossessioni.

L'immagine è composta da tanti cerchi luminosi di differenti colori che si fondono fra loro e rappresenta idealmente l'unione e il sostegno della Community Etica di Bambini e Genitori

La paura di perdere o di non poter utilizzare il proprio dispositivo perché “non prende” o non si collega online può portare anche nomofobia, dall’espressione anglosassone “No Mobile Phobia”.È un disturbo frequente, viste le tante ore che si passano davanti al cellulare e in cui chi ne è affetto manifesta agitazione, ansia, fino ad arrivare a panico, disorientamento e tremori. 

L’invenzione del telefono è stata sicuramente fondamentale per lo sviluppo e il progresso ma sarà “vera gloria” anche per i nostri ragazzi o diventeranno sempre più iperconnessi? Come scrive Alessandro Manzoni, “Ai posteri l’ardua sentenza”!

Nel frattempo, almeno noi genitori, impegniamoci a dar loro l’esempio di un uso “sano” di uno strumento, il telefono, che era nato solamente per portare lontano la voce (dal greco antico: tēle, “lontano” e phōnḗ, “voce”).

Guideremmo mai una macchina senza patente? No! Allora perché permettiamo ai nostri figli di stare sui social senza un'adeguata preparazione?

Conoscere come ragiona l'algoritmo permette a noi e ai nostri figli di sapere davvero cosa si sta facendo quando si condivide un post, si mette un like o si commenta… ricordiamoci che non è lo strumento ad essere pericoloso ma l'uso che se ne fa!

Ecco le principali cattive abitudini digitali che dovremmo evitare:

1 - mangiare guardando il telefono;
2 - usare i social mentre siamo con i nostri figli o per riempire la noia;
3 - usare lo smartphone prima di dormire e comportarsi diversamente da quello che faremmo di persona.

Su quest’ultimo punto, riflettiamoci con un attimo di calma… come ci comportiamo sui social? Come commentiamo alle persone? Saremmo ugualmente “giudicanti” nel mondo reale? Saremmo aggressivi, volgari, critici se avessimo la persona in carne ed ossa davanti a noi? E come ci sentiremmo se qualcuno si comportasse con noi allo stesso modo? Essere online, “nascosti” dietro uno schermo non ci giustifica nei comportamenti scortesi, non ci legittima ad essere aggressivi.

L'educazione e il rispetto sono regole base della società e della convivenza che valgono anche online, insegniamolo ai nostri figli!

MONICA PELINGA
Associazione "Nascere Klinefelter ODV"

Contatti: tel. 334.866.61.76 - nascereklinefelter.it


TI È PIACIUTO? Allora, seguici: ti rafforzi!
Vai su Instagram, lascia un 🧡 e partecipa alla Community Etica per famiglie di "Bambini e Genitori" che semplifica il tuo educare.

L'HAI TROVATO UTILE? CONDIVIDILO! 👇 USA I PULSANTI QUI SOTTO